Curia Generalizia CRM, Via Tribuna Campitelli 6A, 00186 - Roma, Italy

Credi sempre ciò che proclami, insegna ciò che hai appreso nella fede, vivi ciò che insegni

Credi sempre ciò che proclami, insegna ciò che hai appreso nella fede, vivi ciò che insegni

|| Message in English || Messages en Français ||

Carissimi fratelli, la pace di Cristo sia con voi! È arrivato questo nuovo mese di settembre. Sono tornato a Roma dopo aver visitato le nostre comunità negli Stati Uniti e nelle Filippine. Ho anche colto l’occasione per visitare la mia famiglia, i miei parenti e i miei amici per un breve periodo di vacanza mentre ero nelle Filippine. Sono molto felice di darvi la notizia che, con l'aiuto dei nostri formatori, il manuale di formazione è stato finalmente completato. Ora è aggiornato e pronto ed è giunto il momento di esaminarne l'efficacia e il contributo per migliorare la nostra formazione nell'Ordine. Procederemo quindi con l'applicazione del manuale di formazione aggiornato dell'Ordine. Prego che nel prossimo Capitolo generale potremo discutere e suggerire i punti di forza e di debolezza di questa Ratio. La mia gratitudine va a p. Shino, che ha guidato e diretto questo seminario, e a molti benefattori che hanno sponsorizzato questo lavoro. Continuiamo a pregare per l'efficacia di questo manuale.

Lo scorso 23 luglio, i nostri Adorno Fathers and Brothers erano presenti all'ordinazione diaconale di due nostri fratelli, Michael George Mercado e Michael L. Inovero. In un particolare rito della cerimonia di ordinazione, il vescovo presenta il Libro dei Vangeli ai neo-ordinati. Il vescovo consegna il libro dei Vangeli all’ordinato dicendo: "…Credi sempre ciò che proclami, insegna ciò che hai appreso nella fede, vivi ciò che insegni ". Queste parole ci mostrano che la cosa più importante è la santità delle azioni e la convinzione di chi siamo e di cosa facciamo. Per questo motivo, dobbiamo lavorare su noi stessi per non limitarci a "fingere di fare le cose", ma vivere veramente una vita santa.

Il concetto di "Credi sempre ciò che proclami, insegna ciò che hai appreso nella fede, vivi ciò che insegni" è un principio valido che dovrebbe riverberarsi nella nostra vita quotidiana di Chierici Regolari Minori. In altre parole, non è sufficiente avere una "conoscenza dei libri sulla vita religiosa" o accontentarsi di conferenze e seminari, se tutto ciò che facciamo è archiviare ciò che impariamo, ma non vivere.Dobbiamo vivere nella nostra vita una "spiritualità in azione".

Pierre Pourrat S.S., nella sua Storia della spiritualità, ha notato che i fondatori di varie famiglie di chierici regolari, con pochissime eccezioni, non avevano lasciato scritti spirituali. Erano animati dallo spirito dei primi Chierici Regolari, soprattutto quelli dei Teatini e dei Barnabiti. "Un vivo zelo per la povertà, una grande mortificazione interiore per raggiungere una gioiosa calma dell'anima, un intenso e disinteressato amore per Dio e per il prossimo, tale era lo spirito che pervadeva questo magnifico movimento verso la riforma cattolica da parte dei suoi primi iniziatori in Italia nel XVI secolo".

Questa realtà si è riflessa nella vita dei nostri Fondatori, e vediamo nella storia come la gente gravitava intorno a loro ed era affascinata dalla loro autenticità evangelica nel vivere il Vangelo. Fratelli, anche noi siamo chiamati a "Credere ciò che proclamiamo. Insegnare ciò che crediamo. Vivere ciò che insegniamo". Quale migliore storia vocazionale può esserci se non quella di chi mette in pratica la vita gioiosa del nostro carisma. Che Dio porti a compimento l'opera buona che ha iniziato in tutti noi. Che possiamo cooperare con tutto il cuore con la sua grazia.

Padre Ted Kalaw