Posts / "Qui è facilissimo, basta cominciare da zero !"

"Qui è facilissimo, basta cominciare da zero !"

image
Admin
February 19, 2019

Il 19 febbraio dell'anno 1984, esattamente 35 anni fa, da Fiumicino partirono due sacerdoti: Padre Tommaso Barbona crm e Padre Paolo Di Nardo crm, per fondare la prima missione Caracciolina. La decisione era stata presa appena due anni prima. Il Capitolo Generale dell'Ordine dei Chierici Regolari Minori Caracciolini aveva dato seguito con tempestività alla richiesta della Chiesa di Roma di aprire l'attività missionaria "ad gentes".

La parrocchia di Binja-Nyamilina si estende per 2100 chilometri quadrati (per dire: la Valle d'Aosta conta 3000 Kmq), ed è delimitata dal confine dell'Uganda ad est, dal meraviglioso parco del Virunga ad ovest, dal lago Idi Amin a nord, e dal fiume Nguenda a sud. 

I problemi sono enormi: a cominciare dalla mancanza di acqua potabile e dall'insufficiente alimentazione. Al loro arrivo a Nyamilina, i due sacerdoti Caracciolini sono accolti dal tifo e dal colera, qui sono loro ad essere di casa.
Chissà se Padre Tommaso e Padre Paolo si immaginavano a cosa realmente stavano andando incontro. Era impossibile per loro perfino recarsi in auto tra i villaggi di quella terra: tanto piene di buche profonde erano le strade che collegavano Nyamilina con Gitwa, Nyamitwiki, Rasisi, Nyaruhange, Ishasha, Lulimbi, Nyakakoma... Quel che i due "Padiri" neppure si aspettavano fu l'accoglienza: canti e danze di benvenuto raccontavano un altro mondo, fantastico. E' stato questo calore ad alimentare l'entusiasmo dello straordinario Padre Generale Caracciolino dell'epoca, padre Luigi Affoni: "qui è facilissimo, basta cominciare da zero !"

E così, il 14 settembre 1984, targato Pisa, partì il primo container per il Congo. Conteneva l'essenziale per creare lavoro nei campi: zappe, vanghe, badili, picconi. Arrivò a destinazione sei mesi dopo ! E fu l'inizio di una splendida avventura in Africa. La sua storia ci racconta come, se proprio qualcuno deve migrare, quelli siamo noi ! Per scoprire, o ri-scoprire, di che cosa è capace l'anima quando incontra la terra...

Courtesy: Cristiana Di Nardo